Feed per
Articoli
Commenti

In Italia, circa trent’anni fa, quando si parlava di case naturali, o bioecologiche che dir si voglia, era inevitabile riferirsi a quelle sperimentali, a volte un po’ strane, realizzate in paesi del nord Europa, dove il tema dell’ecologia e del risparmio energetico era già affrontato da tempo. Ci riferiamo a case costruite con i criteri della bioclimatica e con materiali naturali quali ad esempio il legno, la paglia, l’argilla; coibentate con fibre di legno, canapa, cocco, sughero, ecc. Oppure a case super tecnologiche dove il risparmio energetico era portato al limite fino alla quasi completa autonomia. Col passare degli anni il concetto di casa naturale è andato via via annacquandosi, sia per motivi culturali, sia per le normative edilizie (ammiccanti soprattutto ai grandi gruppi industriali poco orientati al “naturale”) che ben poco spazio lasciano alla sperimentazione e al diverso, sia per la mano d’opera poco incline ai cambiamenti. Ma cosa si intende per casa naturale? In sintesi è un’abitazione posta possibilmente in un bel posto, costruita e rifinita con materiali traspiranti e “trasparenti”, che non rilasciano sostanze volatili, o per contatto, nocive per gli abitanti e i cui cicli di produzione e smaltimento futuro non inquinano l’ambiente (ecco perché sono da preferire materiali “crudi”, non di sintesi!). Inoltre l’interno della casa deve essere confortevole, fresco d’estate e caldo d’inverno senza l’ausilio di complicati meccanismi energivori; un ambiente privo di disturbi geologici ed elettromagnetici.

Prosegui la lettura »

Dal 1995 nel nostro centro proponiamo solo mobili bio-ecologici (cucine, zona giorno, zona notte, ufficio, ecc.).
Ma che caratteristiche devono avere per definirsi tali? Innanzi tutto sono in LEGNO, materia prima rinnovabile, riciclabile e biodegradabile!
Legno di coltivazione controllata, cioè non proveniente da foreste disboscate selvaggiamente, o da essenze rare a rischio estinzione (utilizziamo prevalentemente essenze europee); massiccio o, se stratificato, senza collanti tossici o pericolosi; superficialmente rifinito con oli e cere naturali; di recupero, con la garanzia di non contenere collanti o vernici sintetiche.

Prosegui la lettura »

In Italia, quasi tutte le ditte produttrici di mobili, nel presentare i loro prodotti, si limitano ad esaltarne le qualità estetico-funzionali. Non importa di quali materiali sono fatti. Per assurdo, di fronte all’utilizzo di dubbie materie prime, se alcune ditte si guardano bene dal fare chiarezza in tal senso, altre ne fanno un fiore all’occhiello! E’ chiaro che le normative vigenti rendono facoltative determinate informazioni sul prodotto finito. Per contro, ci sono aziende produttrici di mobili (cucine, zona giorno, zona notte, office, ecc.) che, non solo sono trasparenti nel comunicare tutti i componenti dei loro prodotti, ma ne garantiscono anche il ridotto impatto ambientale nell’intero ciclo produttivo e nel futuro smaltimento: I CUGINI TOCCASANA collaborano solo con queste aziende! Per un acquisto consapevole di mobili per la casa e, nello specifico, di mobili bio-ecologici, diamo qui alcune informazioni.
Gli elementi principali che caratterizzano un mobile, sono fondamentalmente quattro: la funzione, l’estetica, il prezzo e i materiali utilizzati per la sua realizzazione. Ci preme qui approfondire quest’ultimo aspetto, tentando un elenco dei materiali usati più di frequente.

Prosegui la lettura »

L’intonaco si può considerare a tutti gli effetti la pelle della nostra casa. Ha la duplice funzione di proteggere dal degrado le murature (specie quelle in laterizio o in pietra) e di renderle esteticamente ed igienicamente migliori.
Un buon intonaco, prima di tutto, deve traspirare, affinché l’umidità contenuta nella parete possa dissiparsi ed autoregolarsi. Naturalmente, se la quantità d’acqua in essa contenuta è eccessiva e persiste nel tempo, la traspirabilità non è sufficiente e possono verificarsi fenomeni di degrado quali muffe, “sfarinamento” delle pitture o, in casi più gravi, distacco dell’intonaco. Principalmente l’umidità proviene da risalita (piano terra), da condense (ad esempio quando le pareti sono troppo fredde) e, in misura minore, da fenomeni meteorologici.
Un buon intonaco, inoltre, non deve contenere sostanze tossiche, sia volatili che per contatto (se qualcuno tende a trascurare questo aspetto, è bene che sappia che una camera di 14 mq. contiene circa 13 quintali di intonaco; pertanto se questo è stato additivato, ad esempio con un 5% di una dubbia sostanza, nella suddetta stanza aleggiano 65kg.!).

Prosegui la lettura »

Al giorno d’oggi il soggiorno è certamente il locale più “indeterminato” della casa. A differenza, ad esempio, di locali come la cucina, il bagno, o la camera da letto che assumono funzioni ben definite, il soggiorno è un ambiente molto soggettivo, e rispecchia più di ogni altra camera il carattere dei suoi abitanti.
Può essere che si riduca ad un triste divano davanti alla televisione, ad un tavolo da pranzo usato due volte all’anno o ad una vetrinetta colma di improbabili oggetti da spolverare, un luogo, cioè, da usare in qualche modo perché esiste e non per reale esigenza. Non è un caso che da qualche tempo proliferano cucine con divanetti e piccole librerie, con televisori ad incasso di fianco al forno o alla macchina del caffè: ovvero cucine con angolo soggiorno, anziché soggiorno con angolo cucina!
Al contrario, può diventare una sala da pranzo per festicciole con amici e parenti, uno spazio relax dopo una stressante giornata di lavoro, un angolo di conversazione per il tè delle cinque, un box gigante dove si rincorrono bambini, una biblioteca, uno studio, oppure semplicemente … tutto questo.

Prosegui la lettura »

Di questi tempi si parla molto di risparmio energetico, soprattutto di quello riguardante le nostre abitazioni, perché ci coinvolge direttamente.
Ora, ci sembra interessante guardare oltre gli aspetti economici (dove la semplice formula: Risparmio= Meno uso di combustibile= Bollette meno costose, è comprensibile a tutti) per occuparci di un aspetto per niente secondario, cioè del COMFORT AMBIENTALE!
La maggioranza delle famiglie, concentrate sull’aspetto economico, si ritrovano spesso a non essere soddisfatte delle “migliorie”, in caso di ristrutturazioni, apportate alla propria abitazione : chi si lamenta delle muffe agli angoli (e non solo!) delle pareti, chi dell’eccessiva secchezza dell’aria, chi della sensazione di freddo nonostante i 22°C all’interno delle camere, ecc..
Purtroppo, questi disagi vengono molto spesso segnalati anche da chi risiede in case nuove.
A quanto pare a nulla valgono i termosifoni di ultima generazione, o il pavimento riscaldato, o le stufe a pellet ad alta resa, o i condizionatori super efficienti, o le caldaie a condensazione super costose, o le pompe di calore, ecc.. Come mai?

Prosegui la lettura »

Sempre più frequentemente vengono nel mio centro persone, a volte coppie, che mi chiedono suggerimenti per armonizzare la loro abitazione o il posto di lavoro.
In genere sono influenzate da giornali, riviste, libri più o meno titolati, da trasmissioni televisive il cui unico scopo è la banalizzazione o il sensazionalismo fine a se stesso, da siti Internet dove i “guru” si sprecano o, più semplicemente, da amici e conoscenti che ne hanno sentito parlare, o hanno ricevuto una consulenza Feng Shui.
La richiesta che di solito mi fanno è questa:
“Non stiamo bene; non riusciamo a realizzare i nostri propositi; abbiamo delle difficoltà economiche; stiamo vivendo dei conflitti; ecc. Armonizzaci la casa!”
Si è purtroppo andata consolidando la credenza che la risoluzione dei problemi risieda in un intervento dall’esterno o in qualche particolare magia, dopodichè, per incanto, le cose si sistemano da sole. Non voglio addentrarmi negli evidenti risvolti sociali e politici che tale atteggiamento comporta, voglio limitarmi, per ora, a fare alcune considerazioni sull’argomento per condividerle con chi mi legge.

Prosegui la lettura »

Tra coloro che hanno la possibilità di costruirsi una nuova casa, c’è una percentuale sempre più alta di persone che valutano “l’alternativa” casa in legno invece della tradizionale in latero/cemento.
La prima domanda che costoro rivolgono ai propri tecnici è sempre la stessa:
quanto costa?
Ora, di questi tempi, è comprensibile che tale domanda sorga spontanea, ma sarebbe molto più saggio scegliere tra le due opzioni basandosi su altri parametri: comfort abitativo, ecologicità e qualità dei materiali costruttivi, risparmio energetico, ecc..
Il panorama delle tipologie e delle offerte di case in legno è molto vasto ed il centro Toccasana, per offrire una valida alternativa ai propri clienti, ha scelto il sistema SOLIGNO (brevetto internazionale; in legno massiccio che non utilizza né colle né chiodi!).
Abbiamo iniziato ad interessarci di case in legno circa vent’anni fa; a quel tempo, per vedere case in legno realizzate, si andava principalmente in Alto Adige o in giro per l’Europa (parliamo ovviamente di case inserite in contesti urbani extramontani).

Prosegui la lettura »

Quando si parla di camera da letto (singola o matrimoniale), l’immagine più frequente che ci appare è quella di un bel letto comodo sul quale sdraiarsi per riposare, dormire e ricaricarsi. Luogo sacro o profano secondo le circostanze, questa camera, qualunque sia la sua dimensione, rappresenta per molti la privacy per eccellenza.
E’ la zona della casa dove si trascorre più tempo (circa un terzo della vita), oltretutto in uno stato particolare fisico e mentale ed è lecito pensare che ciò influisca sulla nostra salute e sul nostro benessere. Perciò è necessario creare un ambiente armonico e privo di zone di stress.
Molti ritengono sia  sufficiente trovare il giusto equilibrio tra  forme, colori e spazio; ma se non si prendono in considerazione anche altri aspetti, questa “estetica di facciata” può risultare incompleta, senz’anima, addirittura dannosa: mi riferisco, ad esempio, al messaggio inconscio trasmesso da tali forme e colori, alla posizione del letto ed altri aspetti che devono essere studiati e indagati meticolosamente.
L’OLO-Feng Shui si propone come metodo per rendere questa camera un ambiente di Benessere.
Vediamo come si realizza una camera da letto OLO-Feng Shui.

Prosegui la lettura »

Il locale cucina di un’abitazione è legato principalmente al concetto ancestrale di nutrimento, di sostentamento fisico, del mangiare per vivere. Ma da molto tempo la cucina ha assunto anche altri significati: cultura eno-gastronomica, opportunità di condivisione con amici e famigliari, creatività; per qualcuno anche relax, meditazione, intimità e quant’altro.
Piccola o grande che sia, gli elementi che caratterizzano attualmente la cucina sono i seguenti:
- spazio dentro una stanza (angolo cottura);
- mobili contenitori (a terra o pensili);
- tavolo, sedie o sgabelli;
- elettrodomestici e lavelli;
- complementi tecnici e tessili;
- stoviglie ed utensili vari;
- illuminazione;
- piccola libreria tematica e ricettari;
- zone specifiche per la preparazione particolare di cibi (barbecue, tagliere, caminetto, ecc.) o, in caso di abitazioni molto piccole, zone lavatrice, stiro, brico, ecc.
Dal contenuto di questo elenco, entro il quale con fantasia qualcuno può inserire ulteriori voci, si
comprende la difficoltà di predisposizione di detti elementi, in quanto la cucina, oltre all’indispensabile funzionalità operativa, deve assumere anche aspetti estetici-energetici-emozionali atti a sostenere le caratteristiche e l’esigenza di armonia dei suoi fruitori.
I CUGINI TOCCASANA PROGETTANO LA CUCINA DEI LORO CLIENTI APPLICANDO I CONCETTI DELL’OLO-FENG SHUI.
Spieghiamo come funziona questo sistema.

Prosegui la lettura »

Bad Behavior has blocked 88 access attempts in the last 7 days.

Usiamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione nel nostro sito web.
Ok